Azienda Sanitaria, i prossimi eventi.

Azienda Sanitaria Locale. Dall’ufficio stampa dell’ATS, ASSL Olbia, Azienda Socio Sanitaria LOcale, riceviamo le segnalazioni di prossimi eventi organizzati.

Una due giorni di formazione in ostetricia e ginecologia

Fine settimana all’insegna dell’alta formazione in ostetricia e ginecologia a Olbia, organizzato dall’Azienda Sanitaria Locale.

Sabato 28 settembre, si terrà il “X Corso Gallurese di Ostetricia e Ginecologia”, organizzato dalla Ats – Assl di Olbia, che affronterà il tema delle Emergenze ostetrico-neonatali, che verrà preceduto (venerdì 27 settembre) dal Congresso regionale dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi) che quest’anno sarà incentrato sulla “Personalizzazione delle cure: formazione ed umanizzazione per il rispetto della salute e della dignità delle persone”.

 Nella due giorni olbiese, organizzata dall’AOGOI, con la collaborazione della Ats – Assl Olbia, si discuterà delle buone pratiche cliniche, anche se molto spazio verrà dedicato all’esercitazione pratica e alla simulazione con il “Laboratorio di simulazione delle emergenze ostetrico – neonatali”.

Il 27 settembre (con inizio dei lavori alle ore 09.00), nella sala conferenze dell’Hilton (in via Isarco, a Olbia), “si discuterà dalla personalizzazione e dalla umanizzazione delle cure per il rispetto del benessere psico-fisico della donna e quindi della sua salute e della sua dignità, come persona. L’importanza della comunicazione con le pazienti, i parenti, e tra gli stessi operatori sanitari, è  fondamentale per il miglioramento della qualità dell’assistenza”, spiega il segretario regionale Aogoi, Giangavino Pepi.

La seconda giornata

La seconda giornata, quella del 28 settembre (inizio dei lavori alle ore 09.00), sarà invece dedicata agli operatori intenzionati a perfezionare le proprie conoscenze relative alle “Emergenze Ostetriche” che saranno nel Centro di Simulazione dell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia.
“La “Simulazione full scale” è un importantissimo strumento didattico, permetterà agli operatori esperti di perfezionare la loro tecnica assistenziale e ai giovani di apprendere la modalità di assistenza nell’emorragia del post-partum, nella distocia di spalla, nell’eclampsia e nella gestione del neonato critico e su come riconoscere una sepsi. Tali evenienze, gravate da alta incidenza di morbilità e mortalità materno-fetale, devono essere affrontate con procedure standardizzate che, per essere ben applicate, richiedono allenamento continuo. In tale ottica l’utilizzo dei manichini con simulazione delle situazioni reali aiuta l’operatore ad acquisire sicurezza nell’affrontarle”, spiega Antonio Rubattu, direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Olbia e direttore del corso.

****************************

I progetti di telemedicina per i pazienti cronici di Diabetologia dell’Azienda Sanitaria.

Migliorare la vita dei pazienti e il lavoro degli operatori: sono questi gli obiettivi che si pongono i progetti di Telemedicina della Azienda Sanitaria, rivolti in una prima fase ai pazienti cronici di Diabetologia, a cui seguiranno quelli della Broncopneumopatia cronica ostruttiva e della Cardiologia.

Un progetto innovativo avviato in via sperimentale per i pazienti Diabetologici della Assl di Olbia e quelli della Assl di Carbonia – Iglesias: le due Aree sono state individuate all’interno dell’Ats in considerazione della specifica situazione socio-assistenziale del territorio e per lo stato di insularità dei territori, in particolare per il Distretto di La Maddalena e per quello di Carloforte – Sant’Antioco.

Il Progetto di Telemedicina in ambito Diabetologico si inquadra in un insieme di iniziative avviate dal Dipartimento ICT della Ats Sardegna e che vede la collaborazione della Medtronic SpA, la multinazionale del settore, che realizza i dispositivi per la gestione e il monitoraggio del paziente. Negli scorsi giorni si è tenuto a Olbia l’incontro di avvio del progetto, che vede tecnici e operatori impegnati ora nelle attività di Startup operativo, a cui seguirà, tra ottobre e novembre, il reclutamento dei pazienti.  

L’Azienda propone un sistema di monitoraggio del diabete col web

Il paziente – ha detto durante la riunione Piergiorgio Annicchiarico, direttore del Dipartimento Ict dell’Azienda Sanitaria  – potrà verificare e controllare, attraverso un accesso al sistema web con PC o Tablet o Smartphone, tutti i valori e parametri relativi al proprio stato di salute, riguardante la propria terapia di somministrazione dell’insulina. Allo stesso modo gli operatori sanitari del Centro Diabetologico avranno accesso al Sistema Software Web per verificare in tempo reale lo stato dei propri pazienti, analizzare statistiche e monitorare costantemente la situazione medica e la terapia di ciascuno”

“Il sistema di telemedicina per la gestione dei pazienti diabetici con sistema integrato di terapia insulinica andrà a ridurre, sia al paziente che all’operatore sanitario,  i tempi di interscambio e trasmissione dei parametri, evitando al paziente di doversi recare in ambulatorio per trasmettere i propri dati, che invece verranno trasmessi in tempo reale. Ma non solo, con gli informatici stiamo lavorando per realizzare un sistema di “chat” che consentano al paziente e all’operatore di dialogare in diretta. Sistemi di telemedicina come questo sono ormai diventati indispensabili per una corretta gestione della patologia”, ha detto Giancarlo Tonolo, direttore del Servizio di Diabetologia della Ats – Assl Olbia.

Il processo di estensione alle altre Assl di Ats è previsto entro l’anno in corso e non oltre il primo trimestre del 2020, comunque subito dopo il completamento e la valutazione dei risultati nelle aree sperimentali di Carbonia-Iglesias e Olbia.

Related Articles