Cagliari, Coldiretti Sardegna: Il maltempo e le aziende agricole isolate. Torna l’incubo della Blue Tongue

Cagliari, 10 ott. 2018-

Notiziario Coldiretti:

Maltempo. Coldiretti Sardegna: aziende agricole isolate

Dopo l’incubo del mese di agosto, il più piovoso da quanto si rilevano i dati (1922) con diverse bombe d’acqua che hanno interessato soprattutto il centro sud Sardegna ed in particolare le coste, e la tregua del mese di settembre l’isola è nuovamente interessata dalle anomale piogge che stanno mandando in tilt il sud Sardegna.

Le campagne, già provate dalle piogge ed umidità della primavera ed estate, sono nuovamente in sofferenza e chiamate agli straordinari. Le intense piogge odierne hanno, infatti allagato diversi campi creando non pochi problemi alle colture e alle viabilità e di conseguenza alla ordinaria attività.

Alcune aziende sono rimaste isolate a causa dell’esondazione dei fiumi che hanno inondato le strade.

“Purtroppo siamo preda dei cambiamenti climatici che stanno stravolgendo le stagioni e si manifestano con eventi estremi – sostiene il presidente di Coldiretti Sardegna Battista -. Dopo la siccità straordinaria del 2017, quest’anno dobbiamo fare i conti con le bombe d’acqua continue e l’umidità che stanno danneggiando le colture e le infrastrutture delle aziende”.

La situazione è in evoluzione. “Stiamo monitorando e siamo in continuo contatto con i nostri soci – continua il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba -. Nelle prossime ore avremo un quadro più preciso e potremo fare una prima stima dei danni”.

##############################

Coldiretti Sardegna. Torna l’incubo della blue tongue

Si ripresenta l’incubo della blue tongue in Sardegna. Questa volta a far paura è il sierotipo 3 che è stato rilevato dal centro di referenza di Teramo. Si tratta del primo caso rilevato in Sardegna. Precedentemente, il sierotipo 3, era stato accertato – per la prima volta in Italia –  in Sicilia, nella provincia di Trapani, nel novembre 2017, ed era identico a quello Tunisino, identificato nel novembre del 2016.

Il nuovo sierotipo, infatti, si presume sia arrivato dal Nord Africa, come già accaduto in passato per altri sierotipi, tramite insetti (Culicoides) infetti trasportati dal vento. Al momento non ci sono vaccini in commercio per questo sierotipo, come dichiarato dal direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico della Sardegna Alberto Laddomada.

Coldiretti Sardegna questa mattina ha scritto all’assessore regionale alla Sanità per manifestare tutta la propria preoccupazione per questo nuovo rinfocolamento che rischia di danneggiare soprattutto il settore bovino con il blocco delle esportazioni.

Gli allevatori sardi esportano, infatti, la maggior parte dei propri vitelli fuori dalla Sardegna vista la mancanza di centri di ingrasso. Il blocco delle movimentazioni oltre al non rispetto dei contratti in essere crea non pochi problemi agli allevatori che si ritroverebbero ad avere ulteriori spese per il mantenimento degli animali che nel frattempo crescono e non rispettano più gli standard contrattuali.

L’isola è interessata dall’epidemia della blue tongue da ormai 15 anni, nel corso dei quali ci sono state diverse ondate virulente che hanno da una parte decimato le greggi e dall’altra bloccato l’esportazione dei bovini oltre Tirreno.

“Siamo molto preoccupati per questo nuova epidemia – sostiene il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -, anche perché purtroppo conosciamo bene le conseguenze. Per questo abbiamo scritto all’assessore alla Sanità manifestando la nostra preoccupazione e chiedendo la massima attenzione e monitoraggio perché con il blocco delle esportazioni sono a rischio milioni di euro in un periodo positivo per il settore dopo la firma di contratti di filiera vantaggiosi”.

“Alla Regione abbiamo chiesto di intervenire immediatamente con l’arrivo e l’implementazione dei vaccini per i sierotipi 1 e 4 che continuano ad essere presenti – dice il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba -. Mentre per quanto riguarda il sierotipo 3, per il quale manca il vaccino, chiediamo di poter utilizzare l’esame PCR (analisi del sangue indicatore generale di un’infiammazione) per aprire le frontiere e poter esportare”.

Coldiretti Sardegna chiede inoltre alla Regione un intervento presso il ministero della Salute affinché favorisca con le Regioni di destinazione dei bovini degli accordi che riconoscano i protocolli sanitari sardi. E la possibilità di consentire la movimentazione in un periodo stagionalmente libero (da dicembre a marzo), quando è assente il vettore di contagio.

Commenta

Commenti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.