Carla Cuccu, « Vigileremo sui soldi dati al Mater».

Il consigliere regionale, membro della commissione sanità in Regione, presenta interrogazione sulle notizie apparse su siti on line.

Le anticipazioni di alcuni siti di informazione, hanno indotto Carla Cuccu, consigliere regionale e membro della Commissione sanità del Consiglio Regionale targato Solinas, a promuovere una interrogazione sull’argomento Mater Olbia.

Continua senza sosta l’attività della consigliera regionale Carla Cuccu, esponente del M5S in commissione Sanità, che questa mattina ha presentato, sia al Presidente della Regione Christian Solinas che all’Assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu, un’interrogazione – con richiesta di risposta scritta – sulla presunta vendita del “Mater Olbia”.

La riportiamo nella sua integrale trasmissione agli organi di stampa.

Carla Cuccu

«In questi giorni, leggendo i giornali, ho appreso dalla stampa la notizia della probabile fuga dello stato arabo del Qatar dai suoi investimenti in Sardegna. Apprendo, soprattutto, della fuga dalla vicenda del Mater Olbia, con il passaggio dell’ospedale ad una società abruzzese specializzata in cliniche private, che conta circa una ventina di istituti ospedalieri”, spiega la consigliera regionale pentastellata Carla Cuccu.

“Il progetto nasceva con l’ambizione di integrare il sistema sanitario regionale fornendo prestazioni sanitarie di eccellenza in grado di elevare la qualità dell’offerta assistenziale della Regione – specifica la pentastellata Cuccu -, puntando ad intercettare la cosiddetta mobilità passiva extra regionale e ad incrementare la mobilità attiva verso la Regione”. 

Quindi, è chiaro che sono state completamente disattese quelle che erano le finalità del progetto in questione. La realtà dei fatti – conclude Carla Cuccu – si è dimostrata distante dalle aspettative, confermando per l’ennesima volta quanto questa amministrazione non stia lavorando correttamente per il benessere dei sardi e della Sardegna. I cittadini attendono risposte».

 

 

Related Articles