Sardegna, Il Mercato delle auto elettriche, nota della Confartigianato sui dati di crescita di questi mezzi di trasporto.

foto archivio google - www.motorionline.com

Sardegna, 1 dic. 2017-

AUTO IBRIDE ED ELETTRICHE – In Sardegna 1.182 vetture ibride ed elettriche in circolazione sulle strade sarde. Crescono le immatricolazioni: 364 solo nell’ultimo anno (+57,6%). Matzutzi (Confartigianato): “Il futuro è la macchina elettrica e la Sardegna si sta preparando”. L’Associazione presenta un emendamento per tagliare il bollo agli autoveicoli “a energia pulita” e per servizio taxi, NCC e car sharing

Sono 1.182 le autovetture elettriche o ibride che circolano sulle strade della Sardegna. Ben 364 sono state immatricolate nel solo 2016, l’1,3% sul totale delle 29.113 registrazioni dell’anno scorso fra le quali spiccano l’alimentazione a gasolio (16.693) e a benzina (11.814). Una goccia nel mare, il settore dell’ibrido ed elettrico, rispetto ai più comuni sistemi di propulsione che, però, ha registrato una crescita del 57,6% rispetto al 2015 contro il +16,9% del totale. In ogni caso, le immatricolazioni dell’ibrido ed elettrico hanno superato quelle del GPL-Benzina, che si ferma a 236 auto.

Sono questi i dati del dossier sul trend delle “Auto ibride/elettriche in Sardegna”, realizzato dall’Osservatorio per le Micro e Piccole Imprese di Confartigianato Imprese Sardegna su fonte ISPRA e ACI nel 2016.

A livello nazionale, il boom d’immatricolazioni ibride ed elettriche è stato registrato in Lombardia con 10.527 autovetture vendute (+3,3%), seguita dal Lazio (7.308 e 3,2%) ed Emilia Romagna (4.456 con +2,9%).

Stiamo assistendo a una crescita significativa di questo tipo di autovetture – afferma Antonio Matzutzi, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna anche se, per ora, rappresentano una percentuale minima rispetto a quelle più comuni”. “Dobbiamo sempre ricordarci come, fino a pochi mesi fa, l’isola fosse completamente priva di “carburanti” alternativi alla benzina, al gasolio e al gpl – continua il Presidenteed è quindi facile spiegare come il mercato delle auto a basso impatto ambientale fosse sconosciuto”.

Matzutzi ricorda come, solo pochi giorni fa, la Commissione Europea abbia adottato il pacchetto mobilità pulita che pone un target di riduzione del 30% delle emissioni medie di CO2 dei nuovi veicoli tra il 2021 e il 2030, comportando anche la crescita del meccatronico, la figura professionale che sta sostituendo il meccanico e l’elettrauto. In Sardegna, la modifica delle matrici tecnologiche delle auto, interesserà 2.513 imprese artigiane e circa 6.000 addetti nel comparto della Manutenzione e riparazione di autoveicoli.

Per questo, l’ente di formazione Scuola&Formazione Confartigianato, ha appena presentato un percorso formativo proprio dedicato agli addetti alla riparazione, assistenza e soccorso stradale di veicoli elettrici e ibridi. Il Corso, rivolto soprattutto agli autoriparatori, si articola sui quattro moduli previsti dalla Norma CEI 11-27, che deve essere applicata a tutti i lavori in cui sia presente rischio elettrico, indipendentemente dalla natura del lavoro stesso e definisce gli elementi essenziali per la formazione degli addetti ai lavori elettrici.

Confartigianato Sardegna sottolinea come nell’Isola, nell’ultimo periodo, lo sviluppo della mobilità elettrica abbia fatto notevoli passi in avanti. Solo pochi giorni fa, infatti, grazie a uno stanziamento di 15 milioni di euro dell’Assessorato Regionale dell’Industria e con il via libera alle linee guida per l’elaborazione del piano della mobilità elettrica, le Amministrazioni Locali potranno cambiare il loro parco auto e acquistare mezzi elettrici. Inoltre saranno costruite le infrastrutture per informatizzare e gestire i punti di ricarica ed erogare i servizi di info-mobilità, le colonnine di ricarica lungo le strade principali, nei territori con maggiore densità abitativa e saranno sperimentati progetti pilota nelle isole minori. La mobilità elettrica, infatti, rappresenta anche una grande opportunità occupazionale nei settori manifatturiero, impiantistico e dei servizi con un mercato potenziale attuale e futuro enorme, con delle forti ricadute sul territorio. Infine, i fondi saranno utili anche alle imprese di noleggio, di trasporto, di taxi, di spostamento merci “dell’ultimo miglio” e le aziende turistiche a trasformare la propria flotta sempre più verso l’elettrico.

 “Non possiamo che essere d’accordo con la Regione quando dice cheil futuro è nel motore a trazione elettrica ed è necessario stare al passo con le Regioni e i paesi europei che stanno già attuando queste misure” – conclude Matzutziper questo, nella prossima Finanziaria, ai Consiglieri Regionali abbiamo proposto un emendamento che per 3 anni, dal 2018 al 2020, possa esentare il pagamento della tassa automobilistica regionale ai mezzi a propulsione “pulita” e per il servizio pubblico di trasporto. Sarebbe interessante seguire l’iniziativa del Lazio e dell’Emilia Romagna, regioni che hanno già avviato azioni di incentivazione fiscale ed economica del settore”.

Questo il testo dell’emendamento proposto:Gli autoveicoli nuovi con alimentazione ibrida elettrica e termica o con alimentazione a metano o a idrogeno immatricolati per la prima volta dall’entrata in vigore della presente legge fino al 31 dicembre 2018 ovvero gli autoveicoli destinati ai servizi pubblici di trasporto e con immatricolazione in uso servizio da piazza (taxi), noleggio da rimessa e senza conducente solo nel caso in cui ci sia un contratto di affidamento pubblico di car sharing e siano adibite a tale servizio che operano nel territorio regionale, anche già immatricolati, sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica regionale per il 2018 e per due annualità successive. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale su proposta dell’Assessore competente in materia di entrate, emana le direttive di attuazione”.

Le emissioni inquinanti in Italia

Il settore dei trasporti, mezzi privati e trasporto merci, presenta una rilevanza rispetto alle emissioni atmosferiche e in particolare nelle condizioni di inquinamento nei centri urbani. In Italia il 36,4% delle famiglie segnala il problema dell’inquinamento nella zona in cui vive, quota che sale di oltre venti punti (59,3%) nelle aree metropolitane.

A livello nazionale, il solo settore del trasporto merci, determina il 22,9% delle emissioni complessive, dietro alle imprese di produzione di energia (24,3%).

Nel dettaglio le Autovetture determinano il 59,6% delle emissioni atmosferiche, i Veicoli commerciali il 34,1%, gli Autobus il 3,4% e infine Ciclomotori e motocicli il restante 2,9%. In relazione all’alimentazione il 67,9% delle emissioni deriva da veicoli – autovetture, veicoli commerciali e autobus – alimentati a gasolio, il 25,1% da veicoli a benzina e il restante 7,0% da veicoli con altra alimentazione. La quota relativa al diesel sale all’81,0% per le emissioni di particolato.

Le autovetture in Sardegna: i dati

Il parco delle autovetture regionale è costituito da 1.023.462 unità per il 40,58% alimentate a benzina, per il 57,34% a gasolio, per il 5,8% è costituito da autovetture a benzina e gas liquido, per lo 0,81% da benzina e GPL mentre lo 0,8% si riferisce alle 1.182 autovetture in circolazione ibride ed elettriche.

Distinguendo lo stock esistente di autovetture secondo la classe euro, la classe più rappresentata è la Euro 4 (31,1%) seguita da Euro 5 e 6 (27,4% di cui 18,9% Euro 5 e 8,5% Euro 6). In Euro 3 e inferiori rimane il 41,5% del parco autovetture, quota che sale al 53,7% per le vetture benzina mentre si riduce al 31,4% per le vetture alimentate a gasolio.

L’autoriparatore di macchine elettriche

Lo sviluppo del mercato delle auto ibride ed elettriche non può passare inosservato all’Autoriparatore, sia per evidenti motivazioni economiche sia per le connesse problematiche tecniche, ma anche amministrative e organizzative.

Attualmente non esiste in Italia una normativa specifica per la riparazione delle auto ibride ed elettriche, ma esistono normative riguardanti il rischio elettrico, nate nell’ambito dell’impiantistica. Tutti gli autoriparatori, infatti, sanno quanto sia opportuno conoscere a fondo la materia: è noto, infatti, che la tensione di alimentazione nelle autovetture ibride ed elettriche raggiunge parecchie centinaia di volt, molto maggiore rispetto alle automobili tradizionali. Il professionista di questo settore si trova quindi a doversi confrontare con normative riguardanti il rischio elettrico, come le norme CEI 11-27 e CEI EN 50110-1, e quelle riguardanti la sicurezza sul lavoro, come il D.L. 81/2008.

 Il parco auto circolante in Sardegna e la relativa alimentazione

  Benzina/GPL Benzina/Metano Benzina Elettrico Gasolio Ibrido Altre

TOT

Sardegna immatricolazioni 2016 236 5 11.814 22 16.693 342 1 29.113
Sardegna Assoluti 25.967 460 544.230 93 451.585 1.089 38 1.023.462

 

WWW.CONFARTIGIANATOSARDEGNA.IT

Responsabile Ufficio Stampa Confartigianato Imprese Sardegna

Federico Marini  07044891   3384868726

Commenta

Commenti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*