Tempio Pausania, Ecco cosa nasconde il COEMM. Dietro una finzione meschina, la nascita di un partito politico.

foto immagini google

Tempio Pausania, 13 nov. 2017-

Finalmente si svela il progetto farlocco del COEMM. Era in origine un possibile partito politico, benché il suo ideatore abbia sempre sostenuto di non essere interessato alla politica, e partito politico sarà. Non solo, per prevenire una certa emorragia di adepti (già in corso da tempoi), hanno totalmente sviato l’attenzione sul QUID, il famigerato rimborso mensile per il quale quasi tutti erano entrati nel progetto, per deviarlo su questa nuova figura politica che si appresta a tracciare un solco indelebile nel panorama già saturo di meschinità politica riferibile ai partiti noti.

Il PVU, il Partito del Valore Umano, la nuova entità che ripara nell’agone marcio alla pari di tutti gli altri soggetti esistenti. Come dire, non riesco ad avere un ruolo in questa società…mi invento un nuovo partito. La visione folle di Sarlo prende consistenza, così come sospettato anche da noi, che definimmo fascista il modo squadristico di imporre un diktat, senza obiezioni, prendere o lasciare, votarsi alla causa senza alcuna domanda. Il valore umano, che saranno personaggi inquisiti a dettarcelo, oscure figure che nemmeno nel teatrino delle mezze calzette avrebbero trovato spazio, dementi forsennati che hanno illuso povera gente, li hanno portati dal pero al melo senza ritegno del valore umano di cui oggi si fregiano nel nuovo movimento. Una piovra senza tentacoli, non un pescecane famelico, un soggetto che ha la sola possibilità di implodere per cancellare questa nefasta pagina della società italiana, avrebbe più successo del loro. La gente è stata ingenua, talvolta sprovvista di un minimo elemento di analisi di questa farsa, altrimenti già da tempo sarebbe finita. Invece continua, il peggior sistema che si è proclamato anti sistema, è una figura che tenta la scalata a a quella politica dalla quale aveva preso le distanze. Senza ritegno, senza vergogna, tutti accecati dal miraggio del successo economico e della sicurezza di un domani. Il domani, già. Questa parola nella quale migliaia di italiani hanno creduto, abbacinati da denaro senza nulla in cambio, illusi che potessero risolvere d’incanto tutti i problemi che questa impressionante deriva sociale ha decuplicato.

In cambio del nulla, dategli il voto mi raccomando. Vedrete il mondo migliore nascere accanto a voi, il cielo azzurro, le rondini a dicembre e i cuoricini che sostituiscono le nuvole. La pioggia cadrà in abbondanza con i macchinari acquistati, i ciechi potranno ritrovare la vista.i preti potranno sposarsi ma soltanto ad una certa età, sarà tre volte Natale e luce tutto il giorno. Lui alzerà il suo braccio, sfodererà il miglior dito medio che possiede,  e vi indicherà “la via”. Non sarà il sentiero luminoso del market dove prima pensavate di strisciare la vostra card ma la sua faccia da pesce lesso che ha vinto. Ah, poveri illusi! Ancora ci credete?

Forza, continuate a donare il vostro obolo! Così anche la sua campagna elettorale verrà finanziata senza che venga intaccato il capitale che ha già messo da parte.

Vorremmo avere notizie in merito su  un aspetto che già fu oggetto d’attenzione in un precedente articolo: i referenti regionali, quelli provinciali, una parte del quid lo pigliano alla faccia? E non vi basterebbe questo per sloggiare? Amenità, sciocchezze, dubbi, intrecci strani, parole dette e ridette sempre con la stessa incessante monotonia, persuasiva a quanto sembre. Avessi ascoltato dieci minuti di questa lagna, avrei immediatamente abbandonato l’uditorio. No, così non va, vero è che ci vuole orecchio nella vita (lo diceva Jannacci) ma queste mie si sarebbero chiuse.

Il programma del nuovo soggetto politico sarà il progetto COEMM, in tutto e per tutto. Manco Cetto La qualunque, nella sua eccellente parodia del politico attuale, avrebbe saputo far di meglio.

Avevamo proprio bisogno di Sarlo per disconoscere l’appartenenza ai partiti politici, veicoli di intrallazzi di ogni specie e tutti lontani dai reali problemi che ci affliggono. La differenza è che mai avremmo pensato a fidelizzare la gente attraverso l’inganno e l’estorsione (sotto forma di donazione) dell’euro al mese. Esistono già movimenti sovranisti, tutti rappresentati da persone intelligenti e capaci, mica c’era bisogno di Sarlo e del suo PVU!

C’erano già le calamite attrattive in Italia di forze che si battono per tornare alla nostra costituzione e alla sua completa applicazione, previa uscita dalla trappola UE e dai tratti economicidi che hanno ingabbiato la nostra possibilità di spesa pubblica e di un lavoro garantito per tutti. Ma Sarlo no, lui dall’alto della sua totale incapacità a esprimere questi elementari concetti, doveva ingannarvi col QUID, se no col cavolo che lo avreste ascoltato! C’era bisogno della setta, una sottile trappola psicologica che ha sortito gli effetti voluti, vi ha plagiato, ingannato, deluso, ed ancora siete lì ad adorare il vostro DIO. Ma fatevele le domande ora, quelle che non avete potuto fare allora, quando era obbligatorio tacere se no vi saltava il QUID.

Ecco, ora sapete, ora potete decidere. Se vi sta bene, votatelo pure e continuate a finanziarlo.

Antonio Masoni

 

Commenta

Commenti

8 Commenti

  1. Buona sera a tutti da ex persona ospite prima e capitano poi vorrei dire con molta serenità la mia opinione. Sono entrata nel progetto con tante aspettative perchè in linea teorica si basa su ottimi presupposti. Andando avanti ciò che mi ha fatto dubitare e decidere di abbandonare il progetto sono stati i seguenti aspetti:
    -mancanza di trasparenza sull’impiego delle donazioni. Alla mia richiesta di un resoconto annuale pubblico mi è stato risposto che il Dott.Sarlo non è tenuto a rendere conto di nulla e chi non ha “fede” è libero di andarsene. La mia richiesta aveva un duplice scopo quello di dimostrare che a differenza di altre associazioni noi eravamo TRASPARENTI e che eravamo in un ambiente democratico dove veramente UNO VALE UNO.
    – l’altro aspetto che mi metteva a disagio era quello che “teste pensanti e critiche” venivano considerate sovversive fuori dal coro, fonti di vibrazioni negative. Io penso che chiunque aderisca ad un progetto che lo rappresenti possa essere più utile allo stesso se mantiene la propria identità e mette in luce eventuali criticità.
    -la promessa del famoso quid sempre rimandata ha minato la credibilità della stessa. Sarebbe stato meglio non dare date o numeri di persone virtuose che per primi ne avrebbero beneficiato ma dire che il quid poteva scatutire solo alla fine di un lungo percorso di crescita e cambiamento.
    Detto ciò mi auguro che quanto di buono il progetto si prefigge venga raggiunto e spero che l’aspetto “dittatoriale” (passatemi il termine!) e dogmatico siano stati superati.
    Ribadisco che questa è la mia opinione, rispetto chi ancora crede nel progetto e spero che nessuno si senta in qualche modo offeso (non era certo questa la mia intenzione). Un caro saluto. Elena

  2. Allora, il Coemm insieme al suo fondatore Sarlo Maurizio non da una rendicontazione di tutte le donazioni che riceve. A casa mia questa non è etica. Il Coemm insieme al suo fondatore Sarlo Maurizio bleffa spostando ogni volta in avanti le date della presunta erogazione del quid sconfessando ogni volta se stesso. A casa mia questo non è altruismo ma raggiro. Il Coemm insieme al suo fondatore Sarlo Maurizio millanta l’immediato lancio di prodotti rivoluzionari improbabili o peggio inesistenti. Devo continuare? Se non è un colossale raggiro questo…

  3. Certo, meglio Sarlo dei vari Berlusconi, Renzi, Di maio e Salvini, che sono anni che promettono e mai mantengono. Aria nuova vita nuova.

  4. Rimango stupefatta dall’uso di un linguaggio così aggressivo. Aderisco al progetto COEMM come capitana da due anni e ho sempre avuto libertà di parola negli incontri provinciali e regionali e nelle nostre chat. Libertà di parola che ho abbondantemente utilizzato, insieme ad altri come me. Ho studiato a fondo il progetto, nel quale NON sono entrata per il quid, anzi, quando sono entrata io, no ero nemmeno a conoscenza che fosse previsto un quid. Conosco personalmente, oltre ai partecipanti del mio salotto, numerosissime persone aderenti al progetto che NON sono interessate al quid, bensì all’aspetto culturale, politico e scientifico del progetto COEMM. In due anni in tanti eventi che ho seguito, ho sempre conosciuto persone etiche, valide, umanamente evolute. Ho frequentato fianco a fianco con diversi referenti del COEMM stesso corsi di crescita personale, come RQI di San Marino. Ho avuto modo di testare l’umanità, l’integrità e la passione per il progetto di tutti. Prego chi non conosce il progetto di studiarlo e viverlo da vicino, altrimenti di tacere su argomenti che non conosce di prima persona.

  5. Tacere? Non basta quanto sia silenzioso il suo ideatore? Ma lasci perdere il progetto, resti sui fatti compiuti. Resti sulle promesse fatte e sul nulla cosmico realizzato. Di questo si parla, del partito, mi creda, non c’era bisogno perché bastava unire la propria causa alle altre forze sovraniste e semmai provare a raggiungere insieme un risultato. La vita non è di esclusiva proprietà del Sarlo, nel senso di etica (la sua è tutta da dimostrare), e sono anni che certe tematiche vengono discusse. Se non ci fosse stato l’esca del quid, in quanti sarebbero intervenuti alle convention’s? Io stesso sono anni che leggo e mi documento e non ho mai una sola volta donato nulla (mai stato nel COEMM) e mai ho partecipato a quegli incontri. Era ed è un bluff. Punto.

  6. Buongiorno,
    a riguardo del COEMM se ne sono dette tante, ma bisognerebbe fare un po d’ordine e come se non cominciare dalle dichiarazioni dello stesso leader Dott. Sarlo: intanto proviamo a cacciare qualsiasi ipocrisia sul QUID; è stata la fonte di propaganda più potente per tutti gli adepti. In ogni conferenza dai gradini oiù alti fino adarrivare ai PO, tutti dico tutti hanno ribadito la promessa. Poi Sarlo dopo tante promesse disattese non puo cavarsela ora dicendo che il QUid sarà erogato solo se saràpresente almeno un saluotto in ogni comune italiano.
    Lui stessoha affermato lo stesso 18 settembre (data fatidica) che l’erogazione del QUID era rimandata di poco ma che poteva comunque essere erogato soloalle persone che erano nei CLEMM non aveva mai dico MAI detto che ra legato al numero dei salotti nei comuni.
    POi, al netto di tutta la fuffa vogliamo sapere documentandolo quali proggetti reali sono stati eseguti e portati a termine. Ho detto documentandoli non solo a parole. L’ultima trovata allucinante è il CEIDA (con tanto di cantori dell’inno: che vergogna)
    praticamente il QUID ce lo dovrebbero rendere possibile gli africani attraverso la donazione dell’euro…… praticamente l’Africa povera che aiuta economicamente l’Europa, ma sogno o son desto?

  7. Mi sorge il dubbio che tutta la fretta di avere fotocopia del nostro documento firmato sia sfata finalizzata alla costituzione del PVU a nostra insaputa….

  8. Un documento firmato non attesta la volontà di mettere la firma per la partecipazione alle elezioni politiche…abbiamo già trattato questo argomento…la firma dev’essere apposta davanti ad un incaricato autorizzato e non può essere usata alcun’altra forma di sottoscrizione. Stai tranquilla.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.