Tempio Pausania, Ricordate il cane Rottweiler ritrovato a Tempio 2 mesi fa? Attende un nuovo proprietario nel canile di Olbia.

Era il 10 gennaio scorso quando, dopo 4 giorni dalla fuga dalla sua abitazione, con ancora la catena al collo, il Rottweiler era stato recuperato e affidato al canile di Olbia per la sua custodia. Secondo le disposizioni di legge vigenti, bisognava attendere 60 giorni per verificare se il proprietario rivendicasse la sua scomparsa e lo volesse indietro. Ovviamente, subito ci si era accorti che il cane era stato abbandonato. Non era dotato di microchip e, dopo aver tenuto in allarme la popolazione per qualche giorno, attraverso la collaborazione tra Polizia Municipale, le Guardie Zoofile e il servizio veterinario dell’Assl,  e a tutti i volontari che lo stavano cercando, era stato finalmente trovato e portato a Olbia.

Una storia di abbandono a cui si unì una paura collettiva che apparve ingiustificata già da allora, in quanto questa razza non è di solito aggressiva ma, dopo  giorni a girovagare per le campagne di Marroni (zona Cimitero cittadino), poteva anche mostrarsi ostile per la stanchezza e la fame.

In questo articolo parlammo dell’interesse di una signora di Santa Teresa, Valeria, che era sembrata intenzionata all’adozione ma non abbiamo avuto più notizie da lei che si era ripromessa di andare a trovare la bestia al canile di Olbia. Oggi ne riscriviamo con la speranza che la signora ci faccia sapere qualcosa perché il cane potrebbe essere affidato, qualora esistano le credenziali adatte all’adozione. In caso contrario, chiunque fosse interessato all’adozione, si rivolga direttamente al canile di Olbia.

Ringrazio, come sempre, il capitano Gianni Sanna del Corpo delle Guardie Zoofile per questo prezioso aggiornamento derivato da l’interesse per quella vicenda da parte di una lettrice, e spero che la vicenda si concluda nel migliore dei modi per il Rottweiler, che presto trovi un padrone che lo sappia amare come merita.

Antonio Masoni

Commenta

Commenti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.